Browse By

Ultrasuoni Srl: la nuova casa discografica nata da RTL, Radio Italia e RDS

Luca Dirisio

Luca Dirisio è uno dei cantanti sotto la nuova etichetta

La nuova casa discografica nata dalle menti di RTL, RDS e Radio Italia è per un lato una dichiarazione di guerra alle case discografiche già esistenti, e da un lato una possibilità in più per valorizzare i giovani cantanti italiani che sempre meno facilmente riescono a ricavarsi uno spazio nel duro e selettivo mercato musicale.

Secondo Italia Oggi la casa discografica, che potrà quindi contare sulla sicura distribuzione sulle radio Rtl 102.5Radio ItaliaRadio Dimensione Suono (RDS) è così costituita:

– per il 33% da Baraonda Edizioni Musicali, la società del presidente e azionista di riferimento del gruppo Rtl 102.5Lorenzo Suraci (amministratore di Ultrasuoni Srl);

– per il 33% dal presidente e azionista di riferimento del gruppo Radio Italia, Mario Volanti;

– per il 33% da Eduardo Montefusco, presidente e azionista di riferimento del gruppo RDS.

I Modà e Luca Dirisio sono già passati sotto questa etichetta… vedremo che futuro avrà la Ultrasuoni Srl e come si porrà sul “mercato” dei talent show, sempre più fonti di nuovi volti della musica italiana.

21 thoughts on “Ultrasuoni Srl: la nuova casa discografica nata da RTL, Radio Italia e RDS”

  1. Giovanni says:

    A me non piace mangiare nei fast food, mi piace la trattoria, altrimenti mi viene il mal di stomaco. Così per la musica, questi personaggi impongono prodotti di marketing, bravi! Ma l'arte è un'altra cosa e se non si vende dobbiamo ringraziare questa gente….

  2. beppe says:

    Mi è sempre piaciuta la musica "tutta" italiana. Credo nella musica italiana e spero (oltre a credere) che si può diventare "tutti insieme" persone migliori. Se non si crede in questo non si può credere e amare la musica. Personalmente (sono un libero professionsita) conosco poco (ma credo di capire) gli interessi economici (anche per il tipo di lavoro che faccio) di cui parlate tutti in riferimento alle radio e non d ultimo alle lotte tra queste di cui parlate. La soluzione (certo la sapete anche voi) non è quella di non sentire più le radio x,y o la radio x. Anche perchè questo atteggiamento non è certo un bene per la musica. Credo che i cantanti per primi (mi rifersico a quelli ovviamente che la pensano come noi) dovrebbero cercare di fare sempre di più e sentire chi come noi scrive e commenta sui vari "spazi" messi a disposizone dalla rete. Per quanto mi riguarda spero di risuscire a trovare persone che vogliano investire (non solo all'estero) e credere ancora nella buons musica italiana e nei messaggi che attraverso questa dobbiamo dare ad una società, sempre di più in continuo bisogno di buoni sentimenti.

  3. PAOLA23 says:

    VI STRAQUOTO TUTTI!!!!!!!! è un indecenza, la solita furberia all'italiana, ma per favore PER PRINCIPIO BOICOTTO LE TRE RADIO E I LORO ARTISTI…………

  4. clara says:

    Ultrasuoni, Ultramerda di Musica. Le Radio fanno schifo in questo Paese dei Balocchi. La meritocrazia è utopia e vince chi ha i soldi. La Musica è morta circa 70 anni fa … in Italia … I talent schifosissimi che mettono in giro zombie ambulanti destinati a morire dopo 12 mesi … Cmq è inutile lamentarsi .. Siamo noi ad aver creato questo schifo .. Siamo noi ad accendere la tv, siamo noi ad ascoltare le Radio … L'unica cosa che MI FA ESPLODERE IL CUORE DI GIOIA … è che queste schifezze RADIOFONICHE nonchè DISCOGRAFICHE stanno un pò alla volta FALLENDO! Vedi XFACTOR che non l'hanno riproposto più … State per finire tutti nel dimenticatoio… DISCOGRAFICI FALLITI ITALIANI! VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNATEVI DI SVEGLIARVI!

  5. Beppe says:

    Musica libera e Licenze Creative Commons! LIberi da tutti e tutto. Scaricate gratis e LEGALMENTE "SHARE!" il primo disco dei Metrognomi. Solo sul sito ufficiale.

  6. maria rosaria says:

    Una domanda? Come mai , dopo che a sanremo i Modà hanno duettato con emma e hanno ricevuto globalmente i voti dall'audience , Mai più:
    – hanno cantato insieme ad emma ,
    – hanno partecipato ad ospitate insieme,
    – Emma ha cantato da sola Arriverà?
    Il connubio è stato creato solo per avere voti durante l'esibizione a sanremo?
    Non si potrebbe dare una liberatoria per vederli ancora cantere insieme e provare le stesse emozioni che mi hanno portato a votare i Modà con Emma… e non ad esempio altri cantanti che mi piacevano perché con i Modà c'era Emma? vi ringrazio se potrete dare una risposta risolutiva alla domanda che molti in questi giorni si stanno ponendo. Ho 60 anni e sono una sostenitrice di Emma. Adesso mi piacciono anche i Modà… ma
    maria rosaria

  7. Ciccio says:

    Radio di merda….musica di merda……..in un paese che da tempo è popolato da pezzi di merda!!!!

  8. francesco says:

    Artisti come moltheni,paolo benvegnù,cristina donà,etc… che non vengono mai mensionati o trasmessi dalle cosidette radio padrone della musica,cerchiamo la bella musica e i veri artisti nei locali dove si fa musica vera,dove il sudore è vero!!! Andate in giro direttori artistici dei miei coglioni,non rimanete seduti dietro la vostra scrivania e date i soldi alla musica vera. Siete li solo per favoritismi o che so io!!!!!!!! francesco…

    1. bromuoro says:

      questi che menzioni moltheni etc sono della serie "fra un po' mi sparo" ce dimeglio ce di meglio … pero' dirisio e moda manco dovrebbero esistere nel mondo musicale

  9. Arianna says:

    E' un conflitto di interessi.. è l'esempio che farebbe un professore ai suoi alunni del conflitto di interessi, eppure tutto tace.. del resto "Conflitto di interessi" in Italia è una definizione anacronistica!

  10. Andrea says:

    Assurdooooooooo!!!!!!!!!!!! Davvero uno schifo!

  11. MARCELLO says:

    é semplicemente assurdo che tutti i discografici oggi siano da M.de Filippi a cercar di capire chi canta meglio tra quattro stupidi bambini che fanno karaoki con bruttissime canzoni di merda,è proprio vergognoso.Si dovrebbe organizzare un blocco davanti i portoni delle major e non farli piu' ENTRARE FINCHè NON SI DECIDONO DI PRODURRE anche i dischi di chi le canzoni le sa comporre davvero,DI CHI SA VERAMENTE CANTARE BENE.FIRMATO:MARCELLO CUNSOLO,W LA MUSICA!

  12. Elisa says:

    Quoto tutti. Torniamo alle radio libere, quelle che trasmettevano veramente la musica che volevamo e gli artisti che amavamo, che lottavano contro l'imposizione e gli interessi economici e personali di chi conduceva i programmi radiofonici! Basta farci imporre la musica dagli altri, scegliamocela da soli, internet ce lo consente! Senza nulla togliere a Modà e Dirisio, le radio sembrano veramente una mafia con i loro intrallazzi con certi cantanti e certe case discografiche, non se ne può più! E quest'operazione "a favore dei giovani" sembra proprio un "cari colleghi delle radio nazionali, con i vostri giochetti ci avete lasciato fuori? E noi rientriamo nel mercato alla grande"! Bleah! Per fortuna esiste l'i-pod e la scaletta musicale me la preparo da sola, delle radio non ho più bisogno! P.S. Naturalmente il mio j'accuse si riferisce a TUTTE le radio nazionali, non solo a quelle nominate in quest'articolo!!!

  13. elena says:

    ora ho capito perchè i modà e luca dirisio sono strapassati nelle radio in questione.
    fanno solo i loro interessi e non quelli dei giovani artisti italiani. questa è solo mafia. vuoi passare in radio? firma con la nostra etichetta altrimenti niente. ma l'antitrast sta a guardare?

  14. giusy says:

    ANCH'IO FACCIO PARTE DI QUELLI CHE HANNO SPENTO LA RADIO ,SPERO SOLO CHE QUESTO SISTEMA VENGA A CONOSCENZA DI UN PUBBLICO MOLTO PIU' VASTO DI QUELLO DELLA RETE IN MODO CHE ALTRE PERSONE FACCIANO LA NOSTRA STESSA SCELTA.se mi trovo a dover ascoltare qualcosa per forza mi sintonizzo solo su radio locali che sono molto piu' corrette di quelle nazionali.invito chi ama la buona musica a fare lo stesso

    1. zabadòn says:

      anche nelle piccole radio le dinamiche sono simili, solo in piccolo.

  15. anonimo says:

    ho spento la radio sui canali musicali e sento solo RADIO 24 ORE IL SOLE 24 ORE, unica RADIO UTILE…..tutti gli altri sono solo dei VENDUTI……AL DIO DENARO…che pena che mi fanno!!!!!!!!!!!! ma non è una novità questa…..questa è la nostra Italia……

  16. paola says:

    Ero una assidua ascoltatrice di radio italia ma è da un pezzo che non l'ascolto più…non mi piacciono i potenti…… di parte…..

  17. lugi82c says:

    Stanca dei "martellamenti quotidiani" … ho spento (già) da tempo queste radio.

  18. stella58 says:

    io è già un pò che nn ascolto più radio!!!!

  19. Maria says:

    Sempre più convinta a non ascoltare più la radio..fanno semplicemente pena:(

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>