Browse By

Lo Strano Caso del doppio Paul – da un Dossier di M.A. (penultima parte)

Yellow Submarine – 1969

The Beatles - Yellow Submarine

The Beatles - Yellow Submarine

In copertina, John, disegnato alle spalle di Paul, ha la mano posizionata sopra la testa di Paul facendogli le corna, gesto che simboleggerebbe la sostituzione di Paul dopo la sua presunta morte (vedi, inoltre, il punto 6 della cover di “Sgt. Pepper”).

Abbey Road – 1969

The Beatles - Abbey Road

The Beatles - Abbey Road

La cover di “Abbey Road”, forse la più conosciuta riguardo alle teorie formulate dai sostenitori del PID, è molto densa di tracce sulla prematura scomparsa di McCartney. La band, che sfila per la storica strada londinese, sembra ricordare una processione funebre: John è davanti ed è vestito in completo bianco (è un sacerdote o… un angelo), Ringo veste un sobrio completo nero (è il portatore della bara), Paul è fuori passo rispetto agli altri, è scalzo (secondo alcune usanze religiose i morti vengono seppelliti a piedi nudi), tiene una sigaretta con la mano destra anche se è mancino (perché?) ed è sulla scia di una macchina che è appena passata; infine abbiamo George in jeans e clark (è il becchino in abito da lavoro). Sullo sfondo della “processione” abbiamo due elementi fondamentali: sulla destra, un furgone della polizia del tipo di quelli che intervengono per gli incidenti stradali e, udite-udite, il suo numero corrisponderebbe al veicolo in servizio la fatale notte del 9 novembre 1966; sulla sinistra, il maggiolino Volkswagen parcheggiato a cavallo del marciapiede (notare che in Inghilterra è chiamato “beetle”) sfoggia la targa “LMW 28IF”: ovvero, “Linda McCartney weeps” (piange) o “Linda McCartney widowed” (vedova) e “28 SE”, da leggersi come “avrebbe avuto 28 anni SE fosse stato ancora vivo”. L’unico numero civico che appare nella copertina è il 3, che corrisponde al numero dei Beatles superstiti. Se si ruota la copertina posteriore di 90° in senso orario, vicino alla “S” di “Beatles” spezzata, si può notare un teschio illuminato sul muro. Nel testo di “She Came In Through The Bathroom Window” alcuni versi sono stati letti come indizi sulla vita di William: “So I quit the police department and got myself a steady job” (“Così lasciai il dipartimento di polizia e mi trovai un lavoro fisso”). In “Come Together” John canta: “One and one and one is three” (“Uno più uno più uno fa tre”, che oltre che ad essere una lampante verità matematica, è anche una lucida osservazione sul numero dei Beatles rimasti).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>